Cantor Air

Safety Management System

Garanzia per la sicurezza e beneficio per la crescita aziendale
 

Il Safety Management System (SMS) è un sistema di gestione orientato a definire e misurare le prestazioni relative alla sicurezza, in rapporto ad un obiettivo fissato.
Attualmente, utilizzato nei settori industriali più avanzati, esso consente di mantenere costante nel tempo il rapporto tra le grandezze che esprimono la protezione e la produzione di un sistema. In tal modo è possibile evitare il verificarsi di situazioni indesiderate, come ad esempio gli incidenti o le perdite economiche.
L’Aviazione Civile è, senza dubbio, uno dei settori industriali più influenzati dall’evoluzione tecnologica e dalla crescita di mercato. Il Safety Management System, di conseguenza, può offrire rilevanti opportunità di sviluppo e miglioramento.
Muovendo da queste premesse, l’ICAO (International Civil Aviation Authority) ha realizzato, a partire dal 2006, numerose iniziative normative e promozionali per introdurre i requisiti di SMS negli Annessi ICAO 11, 14 e 6 e, più recentemente, negli Annessi ICAO 1 e 13.
In particolare, l’Annesso ICAO 6 prescrive l’adozione di un SMS per gli operatori aerei e per le organizzazioni di manutenzione, entro il 1 gennaio 2009.
In adesione alle proposte avanzate dall’ICAO, l’EASA (Agenzia Europea della Sicurezza del volo) sta inserendo nella regolamentazione europea l’obbligatorietà del SMS per gli operatori e per le imprese di manutenzione.
Per quanto riguarda l’Italia, nel settembre 2005, l’ENAC ha emanato un documento contenente le linee guida per l’adozione di un SMS in tutte le organizzazioni che operano nel settore aeronautico.
A seguire, in armonia con le linee guida, è stata emessa la circolare OPV-9A del 2007, che sensibilizza ulteriormente gli operatori aerei in merito all’adozione di un Safety Management System.
Tale strumento di gestione, non ancora obbligatorio, presenta un indubbio profilo di utilità anche in vista della previsione regolamentare dell’ICAO in base alla quale dovranno essere adottate strutture organizzative adeguate alla piena funzionalità del Safety Management System (Safety Board, Safety Committee) e dovrà, inoltre, essere identificata una figura di riferimento (Safety Manager).
Infine, nel corso del 2008, è prevista la pubblicazione, a cura della Direzione Centrale Regolazione Tecnica dell’ENAC, di una circolare riferita agli operatori aerei e alle organizzazioni di manutenzione.
L’ENAC, infatti, considera questo innovativo processo di gestione delle politiche di sicurezza determinante nel contesto dell’Aviazione Civile, dove proprio la sicurezza è una condizione fondamentale di esistenza e sviluppo di ciascun soggetto e dell’intero sistema in cui è inserito.

tratto da www.enac.gov.it

Roma 27 febbraio 2008
Ing. Giuseppe Daniele Carrabba
Direttore Centrale Regolazione Tecnica

 

giweather joomla module

Partners

Cantor Air Tech
Cats Rgb Black
Dasty
Mayflower College
Private Radar